28 October 2016

Like every October...

Quando ero piccola e vivevo in Italia le tradizioni autunnali (tra le piú belle e care al mio cuore) erano le passeggiate in centro a Padova, per vecchie viette, negozi e bancarelle, con il profumo della brace dei banchetti che cuocevano le caldarroste e te le vendevano in piccoli sacchettini di carta bianchi. Ricordo i sacchettini caldi e il fumo che usciva, a mischiarsi con la nebbiolina tipica di quelle giornate dell'anno.. e le mani nere a sbucciarle e il loro gusto buonissimo. Ricordo anche le passeggiate sui colli, il piú quotato era il Monte della Madonna, anche li' con cestino o sacchettini a raccogliere marroni. E il caminetto nella casa dei miei nonni, che iniziava ad essere acceso in queste prime fredde giornate d'autunno. Il bagaglio dei ricordi é una delle cose piú preziose che ho. Poi arriva una certa etá, si prendono certe decisioni, o semplicemente si segue un cammino che era destinato a noi e le cose cambiano tutte, pian piano. 

***

When a was a kid and I was living in Italy my Autumnal traditions (that are among the dearest to my heart) were the afternoon strolls around Padova city centre, among old lanes, shops and market stalls, with the wonderful firewood smell from the stalls that were roasting and selling chestnuts putting them inside little white paper bags. I remember the warmth of the bags against my cold hands, and the smoke coming out of them that was mixing with the mist of those typical Autumn days, and I remember my hands turning black while removing their skin, and their delicious and unforgettable taste. I also remember lots of walks around our hills, especially the Monte della Madonna where we used to harvest the most perfect huge chestnuts and take them home inside baskets of bags. And the big fireplace in my grandparents house being lit for the first times around this time of year and its crackling sound and the cosiness of it all. My childhood memories are one of the most precious thing I own. Then you get to a certain age, and you take certain decisions, or you simply follow a path that life has prepared for you, and things start to change, one by one.









I luoghi del mio cuore sono improvvisamente lontanissimi, e le persone della mia infanzia anche. Alcune non ci sono piú. Altre sono lontane fisicamente, altre anche psicologicamente. Tutto cambia e si creano nuove abitudini, nuovi luoghi del cuore e nuove tradizioni. Mi chiedo spesso (sempre) quali saranno i ricordi di Adele da grande. Questi luoghi bellissimi che peró per noi a volte sembrano ancora posti da visitare come turisti, come stranieri, come "temporanei" magari per lei saranno i ricordi piú cari di infanzia. Vivere da emigrati é come vivere in un limbo, non si puó spiegare a parole. Sei sempre sospeso a metá e non ti senti mai completamente a casa in nessun posto. Per lei forse sará diverso e le domande che ci facciamo sono infinite. Ma nel frattempo, qualsiasi sará il futuro e ovunque ci porterá, noi ci impegniamo e impegneremo a creare tradizioni, ricordi, abitudini, momenti belli e a sfruttare al meglio quello che abbiamo qui intorno a noi. 

***

The places of my childhood are suddenly very far away. And so are the people that were part of that time. Some are gone forever. Some are far away physically, some others mentally too. Everything changes and you have to create new habits, new traditions and find new places dear to your heart. I often (always) wonder which will be the memories that Adele will carry with her when she will be older.  These beautiful places that still feel like places to visit like tourists, like strangers, like "temporary" people will maybe be the dearest memories from her childhood. Living life as immigrants is like living in a limbo, you cannot really explain it with words. It's like always feeling hanging somewhere in between,  never properly at home anywhere. It will probably be different for her, but there are so many questions spinning around my head about all of this matter. So in the meantime, whatever the future will bring and wherever it will take us, we will do our best to create new traditions, habits, memories, happy moments, and to make the most of what we have here around us.










Una delle abitudini che senza nessuna pianificazione si é andata naturalmente a creare negli ultimi 2-3 anni é una passeggiata agli Slaughters (Lower Slaughter e Upper Slaughter, nei Cotswolds), e al breve ma stupendo percorso di campagna che li unisce, nel cuore dell'autunno. L'autunno (in particolare Ottobre che ne é il culmine in quanto a colori) é talmente speciale e pittoresco che vorrei durasse almeno 6 mesi. Cosí avrei la possibilitá di scegliere un villaggio o una passeggiata diversa ogni weekend e godermi tutte le zone limitrofe con i colori dell'autunno. Ma non si puó e allora devo scegliere ogni anno dove osservare lo spettacolo di questa stagione.. e cambiare ogni anno per godermelo un pó dappertutto. Ma agli Slaughters non rinuncio... non puó passare un Ottobre senza una passeggiata qui.. e dalle foto di questo post penso si capirá il perché.

***

One of the habits that just started to happen, without any planning at all, during the last 2-3 years is a walk in the Slaughters (Lower Slaughter and Upper Slaughter, Cotswolds) and along the short but enchanting countryside walk that join them, at the peak of Autumn. 
Autumn (or maybe just October, which is the peak of the season colour-wise) is so special and charming that should last at least 6 months in my ideal world. So I could choose  a village or a countryside walk every weekend and enjoy all the surrounding areas, bit by bit, all dressed up for the season. But it's just so short, so I can't really do that and I have to pick a few places to enjoy and change them every year. But I can't possibly give up on the Slaughters, I really can't. October can't end before we have a walk in there... and from the look of the pictures of this post I think it's pretty easy to understand why.









Un abbraccio

Photobucket

16 comments:

  1. Ciao Fede,
    grazie per avermi risposto nell'altro post, vediamo se troverò la forbicina da te descritta.
    I luoghi che tu e tuo marito vivete come luoghi nuovi e da esplorare, ad Adele saranno familiari, ma nello stesso tempo sarà una bambina cresciuta in due mondi e due culture,questo lo trovo meraviglioso, ti apre gli orizzonti, impari ad essere tollerante e vivere con culture diverse. Adele sarà una bimba meravigliosa, una bimba cittadina del mondo. Ti abbraccio DonatellaM

    ReplyDelete
  2. Cara Federica, le tue belle foto mi fanno sognare quei luoghi stupendi dove io non andrò mai a passeggio, grazie mille di condividere con noi le tue passeggiate.
    Sai, ti capisco quando dici che vivi un po' da turista. Io ho abitato per tanti a Pavia, i miei figli sono cresciuti lì ma io non mi sono mai sentita a "casa mia". Mio marito ha sempre detto che vivevo da turista. Si, è vero, si vive in un limbo, e nel tuo caso a maggior ragione, io in fin dei conti in poco più di 3 ore potevo essere a casa " mia".
    Adesso è un anno che siamo rientrati alla base, ma chissà se il lavoro di mio marito ci porterà di nuovo a gironzolare per l' Italia. Posso solo dirti che i miei figli hanno orizzonti molto più ampi dei miei e questo può essere solo un vantaggio.
    Un abbraccio, Barbara.

    ReplyDelete
  3. Bellissimi paesaggi, amo i colori caldi dell'autunno, grazie delle bellissime foto!
    Un caro saluto dall'Italia
    Carmen

    ReplyDelete
  4. Mi sono ubriacata di colori e di bellezza! Ma la foto con te e Adele è la più bella in assoluto. Che dolcezza!
    La tua bimba avrà ricordi d'infanzia stupendi. Poco, ma sicuro.
    Baci baci,
    Rosa

    ReplyDelete
  5. Que bonito es el otoño...me encanta!!!
    Saludos!!

    ReplyDelete
  6. Anche io vivo in un paese lontano dal mio dove sono vissuta per 28 anni e anche se sono in italia è tutto diverso.ma l autunno e i suoi colori per fortuna sono belli anche qui e qui...ho scoperto le caldarroste vendute per strada.nel mio paesello non ci sono mai state.dell autunno poi amo le zucche e qui per fortuna è il paese delle zucche.sai che scorpacciate!!e oggi ho comprato per la prima volta nella mia vita una da intagliare...sì sono impazzita...ma ne avevo voglia.ma ancora non lho tagliata.devo studiare bene come fare...

    ReplyDelete
  7. Che luoghi meravigliosi, che colori... La foto con la tua pupetta è di una dolcezza infinita 😍

    ReplyDelete
  8. Che bei ricordi teneri e dolci, cara Federica e che belle foto autunnali che hai mostrato.
    Un saluto Susanna

    ReplyDelete
  9. Cara Federica...vedendo queste foto stupende, colgo l'occasione di ringraziarti. Circa 2 anni fa ho organizzato il mio tanto sospirato viaggio-regalo di laurea proprio nei Cotswolds, grazie alle tue " dritte". Ho vissuto momenti indimenticabili e ancora adesso, quando mi coglie il "down", ripenso a quei luoghi e all'occasione futura ( spero vicinissima ) in cui riusciro' a rivederli.
    Qui da Rovigo un grande saluto!
    Roby

    ReplyDelete
  10. Cara Federica...i colori che emana l'autunno sono unici e super magici. Grazie per averli condiviso con noi!
    Mariangela & Elena di ME creativeinside <3

    ReplyDelete
  11. Hola Federica, te entiendo perfectamente porque yo tambien estoy lejos de mi casa, pero ya sabes lo que dicen, el hogar es donde esté tu familia y tu corazón. Baci!

    ReplyDelete
  12. Come insegnante, mi sono spesso trovata a raccogliere le confidenze, gli sfoghi, i pensieri di alunni stranieri nati in Italia. Uno, in particolare, è nel mio cuore: alunno brasiliano, lamentava di non sentirsi mai completamente a casa, né in Italia, né in Brasile, quando in estate si recava dai nonni.
    Se può esserti di aiuto, ti assicuro che si tratta, nel suo caso come in molti altri, di alunni che, per la ricchezza del loro vissuto, delle loro esperienze, degli stimoli a cui sono sottoposti, dimostrano spesso di avere una marcia in più e un atteggiamento aperto e positivo nei confronti della vita e degli altri.
    ���� Claudiacip70

    ReplyDelete
  13. Meravigliose le tue foto dai colori autunnali villaggi da sogno...bellissima la vostra piccola famiglia ma grande per amore...i ricordi conservai sempre nel cuore i tuoi luoghi d'infanzia e poi Adele li conoscerà e apprezzerà!!un grosso bacione a voi e buon fine settimana!

    ReplyDelete
  14. Hi, my name is Margarita-sofia and i admire all those incredible fotos you take, i leave in Greece especially at Nafplio!! I also have two liltle babies one girl 2.5 age and one boy 5 months!! Love all these nature landscapes in Enlgish countrydide!!! I'm so happy to send you this message, really excited!!!

    ReplyDelete
  15. Ciao Fede.....uau come e cresciutta piccola Adele....bellissima.....si hay raggione.....chi sa che ricordi avra da grande.....e difficile da migranti....lo dico dal experienzza avuta.....buona serata!!!!

    ReplyDelete
  16. Mamma mia che bella la tua cucciola e scommetto che quel cardigan di lana che indossa glielo hai sferruzzato proprio tu.
    Tanti bacini a voi due.

    ReplyDelete

Grazie di ♥ per prenderti un pó di tempo a lasciarmi un messaggio del tuo passaggio, mi dispiace di non essere spesso in grado di rispondere ma sappi che la tua gentilezza mi fa felice.

Thank you from my ♥ for taking some time and leaving a sign of your visit on my blog, I am so sorry to often not being able to answer back, but please rest assured your kindness makes me happy.